come conservare i semi

Come conservare i semi

Volete sapere come conservare i semi delle vostre piante preferite? La conservazione dei semi delle vostre coltivazioni di ortaggi ed erbe è un modo parsimonioso di perpetuare le vostre piante preferite di anno in anno. Le varietà a impollinazione libera, tra cui i cimeli, sono le migliori candidate per la conservazione dei semi. A differenza delle piante ibride, i loro tratti genetici hanno maggiori probabilità di rimanere stabili di generazione in generazione, anche se, se si stanno salvando i semi da utilizzare per la coltivazione di germogli, la stabilità genetica è meno importante.

Alcune specie coltivate tendono a impollinare se stesse, mentre altre si affidano a insetti o al vento per fornire il  polline dei fiori nelle vicinanze. I piselli, la lattuga e i pomodori si impollinano da soli ed è improbabile che avvenga un’impollinazione incrociata, anche se diverse varietà crescono nello stesso giardino. Nelle piante che vengono impollinate da altri elementi, come le zucche, le brassiche e le cipolle, la purezza genetica può essere garantita solo da una sola varietà di tale coltura posta in isolamento dalle altre o escludendo il polline rimasto mediante una serra o un contenitore. Le gabbie di isolamento sono utilizzate dai coltivatori commerciali, ma non sono pratiche per il giardiniere medio che coltiva in casa.

Cercate le piante più sane e più produttive per la produzione di sementi, e cercate i tratti che vale la pena conservare. Con colture per le quali la fioritura non è auspicabile, come la lattuga e il basilico, conservate i semi dai campioni che sono lenti nella fioritura.

Una volta che avete raccolto i semi, assicuratevi che siano completamente asciutti prima del confezionamento in buste o barattoli. Etichettate i pacchetti con il nome della varietà e la data della raccolta dei semi, e conservateli in un luogo fresco e asciutto per mantenere la loro freschezza.

About Blu